Regali solidali di Natale

Gli ingredienti della campagna natalizia perfetta

Molto spesso, il Natale per un’organizzazione non profit inizia in estate: la strategia di raccolta fondi per la campagna natalizia nasce in anticipo perché si valutano tutti i contatti, si mettono in campo gli strumenti digitali e le forze dei volontari, si scelgono i gadget, i regali. Talvolta le cose da fare sono tante e si può arrivare a dover definire alcuni aspetti in corsa: una checklist con 5 punti da tenere a mente per definire al meglio la tua campagna natalizia.

 

1. Nelle piazze, tra la gente.

Non ci sono scuse che tengano: organizzare un evento di sensibilizzazione e raccolta fondi nel periodo di Natale è fondamentale. Cosa fare al banchetto è (un po’) meno importante: che il banchetto serva per raccogliere firme, anagrafiche, donazioni, bisogna stare in mezzo alla gente, parlare con le persone, capire cosa in questo periodo i potenziali sostenitori stanno cercando e come reagiscono alla vostra presenza. Sono informazioni che vi serviranno tutto l’anno!

Nota bene: è importante essere in regola con permessi e autorizzazioni comunali, informatevi presso l’ufficio che si occupa dell’occupazione del suolo pubblico. Se invece organizzate una raccolta pubblica occasionale non dovete pagare alcun tributo; nel caso solo i diritti di segreteria, i diritti d’autore e null’altro (art 2, c 2, D Lgs 460/97).

 

2. Il digital che dà quella marcia in più.

Siete sui social con una campagna bella, toccante, che va dritta al cuore. Bravi, spingete su tutti i canali e con le modalità che pensate facciano al caso vostro. Ricordatevi di differenziarvi per rendervi riconoscibili, tenete presente la vostra community, i contenuti che più la smuovono e cercate di ampliarla. È un buon momento per osare!

Nota bene: una campagna che integra tutti gli strumenti ha più forza, quindi unite l’online con l’offline, rendete i vostri banchetti riconoscibili, create un’immagine coordinata della campagna e diffondetela attraverso tutti i vostri canali!

 

3. Un Christmas Party da ricordare.

Una cena o un momento conviviale con donatori, volontari, collaboratori e dipendenti a dicembre non sarà originale, ma è molto utile. Condividere il senso della festa e della fine di un anno in attesa di quello nuovo, significa dire a tutte queste persone che sono parte integrante della nostra vita. Che ciò che funziona nell’organizzazione è merito loro.

Nota bene: la cultura organizzativa passa anche da questi momenti di condivisione. Più sono in linea con l’immagine che date dell’ente, più le persone che lo compongono si sentiranno libere di condividere, anche sui social, la loro appartenenza.

 

4. Nuove leve, nuovi volontari, nuove energie.

Per realizzare le nuove attività di sensibilizzazione e di raccolta fondi avete coinvolto nuovi volontari? Bene! Fateli sentire importanti perché entreranno a tutti gli effetti a far parte di una squadra: dite loro che il successo della campagna dipende dall’entusiasmo che ci mettono a realizzare le attività. Fateli incontrare con il board (se il Presidente è disponibile, ancora meglio) per fargli capire quanto è importante, per chi è da tanto tempo nell’organizzazione, sapere che nuove forze si aggiungono a quelle ormai consolidate.

Nota bene: i volontari vanno sempre assicurati contro infortuni, malattia e responsabilità civile verso terzi. Non lasciate nulla al caso, devono sapere che un’organizzazione non profit è prima di tutto una “organizzazione”.

 

5. Donare a Natale dal punto di vista delle aziende.

Sì, il Natale (e fine anno, più in generale) è un momento di grande generosità: le aziende si muovono per scegliere quali enti sostenere, oppure per trovare i regali solidali da donare ai collaboratori, ai fornitori, ai propri stakeholder. Avere una strategia su questo target è importante perché può intercettare sostegni importanti e creare delle relazioni più durature: strutturatela in base a quelle che sono le vostre possibilità, la comunanza di valori con le realtà aziendali e non dimenticate di includere i vantaggi fiscali di cui le aziende usufruiscono quando compiono una donazione.

Nota bene: le opportunità di detraibilità e deducibilità sono diverse. Conoscile meglio QUI.

 

Iscrivi la tua organizzazione e attiva il Passaporto Digitale. Il Natale è solo una delle iniziative pensate per far conoscere il tuo ente a donatori e aziende.