Registro dei volontari

Il Registro dei volontari è il documento che contiene i nominativi dei volontari di un Ente del Terzo Settore.

Scopri di più:

Cos'è il Registro dei volontari

Il Registro dei volontari è il documento che riporta alcune informazioni di tutte le persone che prestano, presso l’ente, attività di volontariato in modo non occasionale.
Fino a quando non sarà operativo il Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (RUNTS) per il Registro dei Volontari bisogna riferirsi alle norme previgenti e pertanto è un documento obbligatorio solo per le Organizzazioni di Volontariato in connessione agli obblighi assicurativi. Per le Associazioni di Promozione Sociale l’obbligo è finora limitato alle attività realizzate in regime di convenzione. A partire dalla piena operatività del Registro Unico, l’obbligo è esteso a tutti gli Enti del Terzo Settore: esso peraltro concorre a determinare il fatto che alcuni Enti del Terzo settore - Organizzazioni di volontariato e Associazioni di promozione sociale - si avvalgono in modo determinante e prevalente delle prestazioni volontarie e gratuite dei propri aderenti, così come previste dalla legge.

Cosa deve contenere il Registro dei volontari

Sulla base delle normative previgenti, si può ritenere che il registro dei volontari debba contenere i dati di ogni volontario, e specificatamente quelli che lo identificano in modo univoco oltre a quelli relativi al periodo temporale di prestazione delle attività volontaristiche:

  • nome e cognome;
  • data e luogo di nascita;
  • indirizzo di residenza;
  • Codice Fiscale (suggerito per evitare omonimie)
  • data di inizio dell’attività di volontariato presso l’organizzazione;
  • data di fine dell’attività di volontariato presso l’organizzazione.

I volontari che compaiono nel Registro dei Volontari sono assicurati dall’ente per infortuni e malattie connessi allo svolgimento dell’attività prestata, e per la responsabilità civile per i danni cagionati a terzi nell’esercizio della stessa attività.
In caso di attività realizzata in regime di convenzionamento con ente pubblico, i costi relativi all’assicurazione sono a carico dell’ente pubblico.

Come deve essere redatto il Registro dei volontari

IIl Registro dei volontari deve essere redatto in formato cartaceo, numerato progressivamente in ogni pagina, bollato in ogni foglio e vidimato da un pubblico ufficiale (notaio o segretario comunale).

Riferimenti normativi

Art 18 del Codice del Terzo Settore

Art 4, L. 266/91

art 30, L. 383/00

DM 14 febbraio 1992 modificato da DM 16 novembre 1992

 

Qualcosa sta cambiando:

approfondisci sulla Guida alla Riforma del Terzo Settore!

Hai un’organizzazione?

Ecco perchè iscriverla gratis