Il decreto legislativo 112/2017 “Revisione della disciplina in materia di impresa sociale” è il terzo pilastro della riforma del Terzo settore e innova profondamente la disciplina dell’Impresa sociale in Italia.

Il decreto legislativo 112/2017 “Revisione della disciplina in materia di impresa sociale” è il terzo pilastro della riforma del Terzo settore e innova profondamente la disciplina dell’Impresa sociale in Italia.

La prima normazione dell’Impresa sociale risale alla legge 381/1991 riferita alle società commerciali, in questo caso cooperative, che operano in ambito sociale, educativo, assistenziale, senza possibilità di distribuire utili a soci e sovventori. Successivamente il decreto 460/1997 garantisce particolari agevolazioni fiscali a questa categoria di organizzazioni attribuendo loro la qualifica di Onlus. Alcuni anni dopo sarà il decreto legislativo 155/2006 – a seguito della legge delega 118/2005 – a introdurre lo specifico concetto giuridico di impresa sociale allargando quindi la categoria a società commerciali diverse dalle cooperative.

E’ su questo sedime giuridico che si innesta il processo di riforma avviato con la legge delega 106/2016 “Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell’impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale”. Il decreto legislativo 112/2017 definisce l’impresa sociale come una qualifica acquisibile dagli enti privati che:

  • esercitano in via stabile e principale un’attività d’impresa di interesse generale;
  • senza scopo di lucro;
  • per finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale;
  • adottando modalità di gestione responsabili e trasparenti;
  • favorendo il più ampio coinvolgimento dei lavoratori, degli utenti e di altri soggetti interessati alle loro attività.

 

La definizione non è l’unico punto di rilievo della nuova normativa. La Riforma infatti introduce diversi elementi interessanti come:

  • l’estensione delle attività d’impresa d’interesse generale (che non coincidono con quelle previste dal Codice del Terzo Settore per gli altri ETS);
  • l’estensione delle categorie di lavoratori svantaggiati;
  • le modalità di coinvolgimento dei lavoratori e degli altri stakeholder;
  • nuove agevolazioni fiscali (ad esempio defiscalizzazione degli utili, detrazione IRPEF del 30% per le somme investite da privati e deduzione IRPEF del 30% per le somme investite da persone giuridiche…);
  • la limitata possibilità di ripartire gli utili e gli avanzi di gestione;
  • l’obbligo di redazione e pubblicazione online del bilancio sociale;
  • il divieto di superare del rapporto 1:8 della differenza retributiva tra dipendenti e di corrispondere retribuzioni più alte del 40% di quanto previsto dal CCNL;
  • nuovi fondi di sviluppo.

 

Struttura del decreto legislativo 112/2017

Il decreto legislativo è suddiviso in 21 articoli:

  1. Nozione e qualifica di impresa sociale;
  2. Attività d’impresa di interesse generale:
  3. Assenza di scopo di lucro;
  4. Struttura proprietaria e disciplina dei gruppi;
  5. (Costituzione);
  6.  Denominazione;
  7. Cariche sociali;
  8. Ammissione ed esclusione;
  9. Scritture contabili;
  10. Organi di controllo interno;
  11. Coinvolgimento dei lavoratori, degli utenti e di altri soggetti interessati alle attività;
  12. Trasformazione, fusione, scissione, cessione d’azienda e devoluzione del patrimonio;
  13. Lavoro nell’impresa sociale;
  14. Procedure concorsuali;
  15. Funzioni di monitoraggio, ricerca e controllo;
  16. Fondo per la promozione e lo sviluppo delle imprese sociali;
  17. Norme di coordinamento e transitorie;
  18. Misure fiscali e di sostegno economico;
  19. Abrogazioni;
  20. Copertura finanziaria;
  21. Entrata in vigore.

 

La nuova normativa entrerà pienamente in vigore quando saranno pubblicati tutti i decreti attuativi da parte dei ministeri coinvolti e quando si sarà ottenuto il via libera dalla Commissione europea in merito di alcune misure fiscali. 

NEWSLETTER
Iscriviti per non perdere le ultime novità sull'argomento
Inserisci un indirizzo email valido

TUTTI I DIRITTI RISERVATI. È vietato qualsiasi utilizzo, totale o parziale, del presente documento per scopi commerciali, senza previa autorizzazione scritta di Italia non profit.

Italianonprofit
Accedi ai contenuti esclusivi dedicati agli utenti iscritti a Italia non profit, è gratis.