Registro dei volontari

Il Registro dei volontari è il documento che contiene tutti i dettagli dei volontari di una organizzazione non profit.

La tutela dei volontari dalla A alla Z: la guida pratica alla corretta gestione dei volontari SCOPRI L'EBOOK

Che cos'è il Registro dei volontari?

Il Registro dei volontari è il documento che riporta le informazioni di tutte le persone che prestano, presso l’ente, attività di volontariato in modo non occasionale.

Ora che il Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (RUNTS), è operativo, l’obbligo di tenere un Registro dei volontari è esteso a tutti gli Enti del Terzo Settore che si avvalgono di volontari e non è più limitato solo alle Organizzazioni di Volontariato e alle Associazioni di Promozione Sociale per le attività realizzate in regime di convenzione. Si tratta di un documento, da tenere sempre aggiornato, che consente di sapere sempre chi sono i volontari dell’organizzazione e che concorre a determinare il fatto che alcuni ETS – ODV e APS – si avvalgano in modo determinante e prevalente delle prestazioni volontarie e gratuite dei propri aderenti, così come previsto dalla legge.

Cosa deve contenere il Registro dei volontari?

Il Registro dei Volontari deve contenere i dati di ogni volontario abituale (non occasionale), mentre è facoltativo inserire quelli dei volontari occasionali. I dati da inserire sono quelli anagrafici che identificano la persona in modo univoco e quelli relativi al periodo temporale di prestazione delle attività volontaristiche.
Nello specifico, i campi del Registro da compilare per ciascun volontario sono:

  • nome e cognome
  • data e luogo di nascita
  • il Codice Fiscale può essere inserito al posto di nome, cognome, data e luogo di nascita (suggerito per evitare omonimie)
  • indirizzo di residenza (o il domicilio, se diverso)
  • data di inizio dell’attività volontaria presso l’ente;
  • data di fine dell’attività volontaria presso l’ente (quando si verifica)

Registro volontari e obblighi assicurativi

Il Registro dei volontari è fondamentale per adempiere all’obbligo di assicurazione previsto.
Infatti, solo i volontari che compaiono nel Registro sono assicurati dall’ente per infortuni e malattie connessi allo svolgimento dell’attività prestata e per la responsabilità civile per i danni cagionati a terzi nell’esercizio della stessa attività.
In caso di attività realizzata in regime di convenzionamento con ente pubblico, i costi relativi all’assicurazione sono a carico dell’ente pubblico.

Come deve essere redatto il Registro dei volontari?

Il Registro deve essere inalterabile (ossia i dati inseriti non potranno essere modificati nel tempo), numerato progressivamente, bollato in ogni foglio e vidimato da un pubblico ufficiale abilitato (notaio o segretario comunale). La nuova normativa ha previsto che il Registro possa avere formato cartaceo oppure elettronico e/o telematico. In caso di Registro digitale, devono comunque essere garantiti i criteri di inalterabilità e gli altri obblighi previsti.

Riferimenti di legge sul Registro dei volontari

NEWSLETTER
Iscriviti per non perdere le ultime novità sull'argomento
Inserisci un indirizzo email valido

TUTTI I DIRITTI RISERVATI. È vietato qualsiasi utilizzo, totale o parziale, del presente documento per scopi commerciali, senza previa autorizzazione scritta di Italia non profit.

Italianonprofit
Accedi a funzionalità esclusive dedicate agli utenti iscritti ad italia non profit, è gratis