5 domande da porsi prima di assicurare il tuo ente non profit

Quali sono le domande utili da prendere in considerazione nel momento in cui si decide di sottoscrivere una polizza assicurativa per un'organizzazione non profit?

La tutela dei volontari dalla A alla Z: la guida pratica alla corretta gestione dei volontari SCOPRI L'EBOOK

A chi mi rivolgo per avere un preventivo?

Per capire a chi è più utile rivolgersi per avere un preventivo di una polizza assicurativa è necessario, innanzitutto, valutare la tipologia di copertura assicurativa che si vorrebbe andare a sottoscrivere: ad esempio, si tratta di una polizza auto oppure polizza per altre tipologie di danni? Queste citate sono due delle principali macro categorie di assicurazione da conoscere e tener presente poiché sono molto differenti l’una dall’altra, sia nel caso si tratti di una polizza utile per l’organizzazione (persona giuridica) sia che si tratti di una polizza per la singola persona che presta la sua opera all’interno dell’organizzazione (persona fisica).

Nel primo caso il bene da assicurare è, sostanzialmente, un veicolo mentre nel secondo caso si è di fronte ad un contesto nel quale sono presenti svariate tipologie di coperture che possono riguardare, tendenzialmente, sia la tutela del proprio patrimonio sia la salvaguardia della salute.
Se l’esigenza assicurativa concerne la copertura RCA obbligatoria allora i preventivatori on line possono costituire un utile strumento a servizio del consumatore perché consentono una comparazione tra le diverse tipologie di coperture offerte dal mercato andando anche ad evidenziare il premio più economico.

Se invece l’esigenza di copertura è legata al secondo ambito, allora è utile valutare di ricorrere ad una figura consulenziale, in quanto l’analisi dei bisogni assicurativi richiede competenze e professionalità specifiche che vengono riconosciute, anche dalle normative vigenti, agli intermediari assicurativi. Quest’ultimi, una volta effettuate tutte le valutazioni del caso e raccolta la documentazione necessaria, potranno arrivare a formulare un preventivo che dovrà essere, come previsto dalla legge, il più possibile in linea ai bisogni assicurativi del cliente.

Quali problemi possono derivare da una errata comprensione dei rischi che si corrono?

C’è una premessa molto importante da fare per rispondere a questa domanda: il rischio è l’elemento essenziale del contratto di assicurazione al punto che:

  1. se manca, il rischio il contratto è nullo;
  2. se cessa, il contratto si scioglie;
  3. se si modifica rispetto al momento della sottoscrizione del contratto, il contratto deve essere adeguato [artt. 1895-1898 c.c.].

Pertanto una errata comprensione dei possibili rischi potrebbe portare alla sottoscrizione di contratti assicurativi non adeguati alle effettive esigenze e, quindi, a conseguenze connesse alla validità e/o operatività della polizza stessa nonostante il pagamento del premio.

Una volta compresi i rischi come individuare la polizza assicurativa più adeguata alle proprie esigenze?

Per capire come individuare la polizza assicurativa più adeguata alle proprie esigenze è utile, innanzitutto, andare a precisare la finalità di una polizza assicurativa: dare all’assicurato la possibilità contrattuale di delegare alla compagnia il danno economico che gli potrebbe derivare dal verificarsi di un rischio a cui è esposto. È utile precisare che questo danno potrebbe essere anche molto elevato e, pertanto, per individuare la tipologia di polizza più adeguata occorre valutare il rapporto tra entità premio e entità del potenziale danno ceduto in modo che l’esito risultante sia il più economicamente sostenibile per il cliente per tutta la durata del contratto.

Una volta sottoscritta la polizza quali sono i miei obblighi e quali i miei diritti?

Con la sottoscrizione di una polizza assicurativa si viene a creare un “rapporto” in cui entrambe le parti, assicurato e assicuratore, devono e hanno il diritto di pretendere dall’altra il rispetto di una serie di clausole comportamentali.

I diritti dell’assicurato sono riassumibili nei seguenti punti:

  • diritto all’informazione;
  • diritto alla chiarezza contrattuale;
  • diritto ad una consulenza volta alla diminuzione dei fattori di rischio;
  • diritto al servizio assicurativo;
  • diritto al risarcimento;
  • diritto alla reciprocità (diritti e doveri per assicurato e assicuratore);
  • diritto all’equo trattamento.

I diritti del cliente assicurato non si esauriscono esclusivamente con la stipula delle polizze assicurative o con la riscossione dei premi, ma si protraggono e coinvolgono anche tutto il servizio assistenziale durante l’intera durata del contratto assicurativo, in modo tale da garantire al firmatario una continua assistenza tecnica nel caso di reclami. Di contro sono previsti, anche per l’assicuratore, una serie di diritti che pertanto vanno a costituire dei doveri per il cliente.

Tra i principali diritti dell’assicuratore ritroviamo:

  • avere una spiegazione dettagliata di tutti i servizi assicurativi che necessitano al cliente, visionare gli eventuali documenti, cosicché egli sia in grado di valutare correttamente il rischio che andrà a coprire;
  • ricevere il pagamento del premio entro il periodo di scadenza stabilito;
  • richiedere tutta la documentazione prevista dal contratto, necessaria alla valutazione e liquidazione del danno nel caso in cui il proprio assicurato fosse coinvolto in un sinistro.

Come individuare la compagnia assicurativa più affidabile?

L’IVASS, Istituto di Vigilanza sulle Assicurazioni, presenta ogni 6 mesi un report pubblico sull’andamento dei reclami (IVASS – Statistiche sui reclami: dati semestrali 2020) che i consumatori rivolgono alle compagnie assicurative. Tale informazione è uno degli indicatori “indiretti” della soddisfazione dei clienti e pertanto può essere certamente utile per individuare “l’affidabilità” della Compagnia assicurativa con la quale si vorrebbe stipulare la polizza. Naturalmente ci sono molti altri fattori che possono contribuire alla determinazione dell’affidabilità di una Assicurazione, ma comunque questo tipo di statistiche sono un buon punto di partenza per “individuare” la compagnia più adeguata.

Questo articolo fa parte del progetto “Pronto Assicurazione” creato da Italia non profit in collaborazione con Assimoco. Scopri i dettagli del progetto.

NEWSLETTER
Iscriviti per non perdere le ultime novità sull'argomento
Inserisci un indirizzo email valido

TUTTI I DIRITTI RISERVATI. È vietato qualsiasi utilizzo, totale o parziale, del presente documento per scopi commerciali, senza previa autorizzazione scritta di Italia non profit.

Italianonprofit
Accedi a funzionalità esclusive dedicate agli utenti iscritti ad italia non profit, è gratis