Tutela della salute e cambiamenti climatici

La tutela della salute viene definita come "uno stato di completo benessere fisico (assenza di infortuni e malattia), mentale e sociale anche in considerazione di importanti cambiamenti climatici. Come le assicurazioni possono tutelare la salute in questo nuovo contesto?

Arriva l’Academy di Italia non profit: “Dietro le quinte della raccolta fondi” SCOPRI DI PIÙ

I danni del cambiamento climatico

Uno degli aspetti meno noti e più sottovalutati delle assicurazioni sulla salute sono i cambiamenti climatici. Numerose infatti sono le ripercussioni sull’uomo di questo tipo di cambiamenti, e alcune polizze sono in grado di tutelare l’individuo in caso di danni e malesseri collegati a terremoti, alluvioni, inondazioni, allagamenti e siccità.

Il cambiamento climatico danneggia la salute umana in diversi modi:

  • i danni diretti alla salute sono il risultato di condizioni meteorologiche sempre più estreme, tra cui ondate di calore, terremoti, alluvioni, inondazioni, allagamenti e siccità;
  • i danni indiretti alla salute derivano dal peggioramento dell’inquinamento atmosferico, dall’aumento delle malattie trasmesse da vettori, dall’acqua e dal cibo sempre più contaminati, dalla riduzione della produzione alimentare e da cibi meno nutrienti, dall’impatto sulla salute mentale, dall’aumento dei conflitti, dal danneggiamento e dalla distruzione di abitazioni e terreni agricoli e dalle migrazioni forzate.

Tutti questi impatti dannosi interagiscono con fattori socioeconomici e biologici – tra cui l’età, il sesso, il reddito, lo stato di salute – per cui la salute delle persone più vulnerabili, emarginate e svantaggiate tende ad essere danneggiata per prima e peggio.

Cambiamenti climatici e non profit

Questi rischi non riguardano, però, solo le persone in stato di indigenza ma anche coloro i quali, fornendo prestazioni di soccorso e/o assistenziali come fanno i volontari, si espongono analogamente a pericoli per la propria salute (non solo quelle connesse all’emergenza pandemica) come ad esempio il pericolo di disidratazione, (con conseguente infortunio) causando un impatto negativo sia sull’attività dell’Ente sia sulla vita privata stessa dell’operatore.

Diventa così sempre più indispensabile valutare di dotarsi di strumenti, anche assicurativi, in grado di fornire adeguate prestazioni e coperture al fine di avere, in caso di bisogno, un supporto adeguato che vada ad integrare il welfare statale sia in caso di infortuni sia in caso di malattia.

In ambito assicurativo il bene prezioso è la salute, ed è tutelato con apposite coperture per il caso di infortuni e per il caso di malattia.

Questo articolo fa parte del progetto “Pronto Assicurazione” creato da Italia non profit in collaborazione con Assimoco. Scopri i dettagli del progetto.

NEWSLETTER
Iscriviti per non perdere le ultime novità sull'argomento
Inserisci un indirizzo email valido

TUTTI I DIRITTI RISERVATI. È vietato qualsiasi utilizzo, totale o parziale, del presente documento per scopi commerciali, senza previa autorizzazione scritta di Italia non profit.

Italianonprofit
Accedi a funzionalità esclusive dedicate agli utenti iscritti ad italia non profit, è gratis