Fondazioni di comunità: in quale sezione del RUNTS conviene iscriversi

lunedì, 1 Giugno 2020

Le fondazioni di comunità che intendono iscriversi al Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (RUNTS) possono farlo come ente del Terzo settore "generico" o meglio come ente filantropico. In questo articolo si spiega il perché.

Siamo alla ricerca di nuovi talenti da inserire nel nostro team. Vuoi farne parte? LAVORA CON NOI

Le Fondazioni di Comunità sono enti che hanno una spiccata vocazione a favorire la propria comunità territoriale attraverso erogazioni di denaro e promuovendo la progettazione delle organizzazioni locali. Quando verrà reso operativo il RUNTS le Fondazioni di Comunità dovranno decidere in quale sezione iscriversi.

Qui di seguito si riportano le sezioni del RUNTS previste dall’art 46 del Codice del Terzo Settore

SezionePuò iscriversiNon può iscriversi
a) Organizzazioni di volontariatoX
b) Associazioni di promozione socialeX
c) Enti filantropiciX
d) Imprese socialiX
e) Reti associativeX
f) Società di mutuo soccorsoX
g) Altri enti del terzo settoreX

Dallo schema si evince che le uniche due opzioni sono la sezione Enti Filantropici e Altri enti del Terzo settore. Infatti, per le sezioni a, b ed e, il presupposto è che si sia Associazioni, come anche per la lettera f.

In teoria, una fondazione di comunità potrebbe anche diventare Impresa sociale ma solo snaturando la propria missione in quanto ex D Lgs 112/17 il 70% delle sue entrate dovrebbero provenire da ricavi prodotti da attività di interesse generale delle imprese sociali, dovrebbero quindi “vendere” beni e servizi e non chiedere erogazioni al territorio.

“Enti filantropici” o “Altri enti del terzo settore”, quindi.

Il naturale approdo dovrebbe essere quello della sezione “Enti filantropici”, data la natura erogativa (o grant making) delle fondazioni di comunità. Infatti l’articolo 37 del Codice del Terzo Settore afferma che gli enti filantropici sono costituiti “al fine di erogare denaro, beni o servizi, anche di investimento, a sostegno di categorie di persone svantaggiate o di attività di interesse generale”. Il limite di questo profilo di soggetto è che il successivo articolo 38 afferma che “Gli enti filantropici traggono le risorse economiche necessarie allo svolgimento della propria attività principalmente da contributi pubblici e privati, donazioni e lasciti testamentari, rendite patrimoniali ed attività di raccolta fondi”. Ciò significa che questi enti hanno entrate prevalenti di natura non commerciale e – al di là dei principi di cui al 79 comma 5 del Codice del Terzo Settore sulla perdita della natura non commerciale dell’ente – potrebbero nel medio periodo vedersi ridotta la possibilità di realizzare ad esempio attività diverse o attività di interesse generale commerciale ai sensi dell’articolo 79, comma 2 del Codice medesimo.

D’altro canto, detto che probabilmente non vi è nel breve da parte delle fondazioni di comunità la volontà di realizzare soprattutto attività commerciali, il fatto di essere iscritte nella sezione “enti filantropici” può avvantaggiarle in termini di riconoscibilità della loro attività

Si aggiunga infine il fatto che non vi è alcuna differenza nell’essere iscritti ad una rispetto all’altra sezione in relazione a agevolazioni o minori adempimenti.

NEWSLETTER
Iscriviti per non perdere le ultime novità sull'argomento
Inserisci un indirizzo email valido

TUTTI I DIRITTI RISERVATI. È vietato qualsiasi utilizzo, totale o parziale, del presente documento per scopi commerciali, senza previa autorizzazione scritta di Italia non profit.

Italianonprofit
Accedi a funzionalità esclusive dedicate agli utenti iscritti ad italia non profit, è gratis