I volontari per il fundraising sono persone che mettono a disposizione tempo, competenze e relazioni per supportare le attività di raccolta fondi dell’ente. Scopri tutto quello che c’è di utile da sapere sui volontari per il fundraising e perché la tua organizzazione non profit dovrebbe adottare questo tipo di risorse.

Che cosa si intende con volontario per la raccolta fondi

I volontari per il fundraising sono quelle persone che donano il loro tempo, le loro competenze, idee e relazioni a favore delle attività di raccolta fondi dell’organizzazione. Soprattutto nelle situazioni di start up del fundraising i volontari per le attività di raccolta fondi sono i primi donatori da cercare. Il fundraiser ha un ruolo specifico, professionale, tecnico che garantisce competenze, metodo e continuità, ma non può e non deve essere lasciato solo. Creare intorno al fundraiser un gruppo di persone che a diversi titoli e con diverse misure supportano l’attività di raccolta fondi è fondamentale, contribuiscono a dare gambe alle attività e ampliare la raccolta fondi[1]. Troppo spesso i fundraiser – operatori retribuiti e volontari – vengono intesi come interscambiabili. In realtà hanno ruoli, caratteristiche e obiettivi diversi. Sbaglia chi tratta i volontari come dipendenti non retribuiti. I volontari sono donatori di tempo e per questo l’approccio nei loro confronti dovrebbe essere coerente: non di estrazione ma di creazione di valore. Collaborare insieme ai volontari per raggiungere l’obiettivo comune è sicuramente l’approccio più proficuo, per tutti. I volontari dovrebbero essere messi nelle condizioni di portare valore aggiunto all’attività per questo è importante individuare le attività e cercare le persone che potrebbero essere più adatte per realizzarle.

NEWSLETTER
Iscriviti per non perdere le ultime novità sull'argomento
Inserisci un indirizzo email valido

Tipologie di volontari per la raccolta fondi

Spesso i volontari non si cercano proattivamente, si accolgono le candidature spontanee che arrivano e vengono coinvolti nelle attività dedicate ai beneficiari e ai servizi. Raramente si coinvolgono i volontari nelle attività di raccolta fondi, più frequentemente li si coinvolge nella realizzazioni di eventi. Questo può essere dovuto a diversi ragioni, come per esempio la mancanza di un programma di fundraising ampio oppure la mancanza di consapevolezza che fare fundraising può essere divertente e apprezzato dai donatori di tempo. I volontari della raccolta fondi possono essere di varie tipologie:

  • possono essere già presenti all’interno dell’ente, ma non essere mai stati invitati a partecipare a queste attività. Ad esempio: il consiglio direttivo è sempre composto da volontari e dovrebbe essere il primo a dare il buon esempio, donando alla propria organizzazione. Anche collaboratori o volontari già presenti su altri servizi potrebbero essere opportunamente coinvolti sulle attività di raccolta fondi;
  • possono essere all’esterno dell’organizzazione non profit e quindi dovrebbero essere cercati con campagne di comunicazione ad hoc in relazione all’attività di raccolta fondi che pensate di voler proporre;
  • esistono diverse tipologie di volontari per il fundraising, che si differenziano per lo strumento di raccolta fondi che avete in programma di usare. Per esempio: eventi per il fundraising, colloquio uno a uno, personal fundraising, telemarketing oppure crowdfunding.

Cose che devi assolutamente sapere sui volontari per il fundraising

I volontari non piovono dal cielo. Per favorire una relazione di successo è bene cercare le persone partendo dall’identificare per quale attività potrebbe essere più indicate. A maggior ragione se si tratta di attività di fundraising. Per questo è importante avere un programma della raccolta fondi, un obiettivo e dotarsi di un piano di attività per raggiungerlo, perché vi permette di coinvolgere con maggiore facilità altre persone. 

Fare le cose con i volontari non significa che tutto è gratis. Certo è vero che i volontari donano tempo, ma realizzare campagne di ricerca, formazione, inserimento e fidelizzazione  degli stessi ha un costo, o meglio, richiede un investimento.

Il coinvolgimento dei volontari richiede metodo e competenze, non può essere improvvisato. Portano un grandissimo valore aggiunto alla causa e all’organizzazione, tuttavia richiedono anche un grande lavoro ed impegno. 

Cosa migliorerebbe nella tua organizzazione con un programma strutturato di volontari per la raccolta fondi?

Chiedilo a un esperto di fornonprofit.it!

Vantaggi per una non profit dell’avere volontari per il fundraising

Avere dei volontari per la raccolta fondi potrebbe essere molto vantaggioso per un ente non profit perché:

  • sono dei testimonial potenti: sono persone che hanno scelto di donare loro stessi all’ente e per questo sono molto rappresentativi e credibili. Testimoniano alla comunità la serietà e l’affidabilità che può essere riposta in voi;
  • portano uno portano sguardo critico, esterno all’organizzazione, e per questo nuovo. Allargano l’orizzonte e la visione delle organizzazioni che troppo spesso tendono a l’autoreferenzialità; 
  • allargano le cerchie relazionali: le persone conoscono persone, che conoscono altre persone, e questo contribuisce l’aumento del capitale relazionale dell’ente.

5 consigli essenziali se stai pensando di adottare dei volontari per il fundraising

  1. Cercateli, non aspettateli: le persone non sempre sanno che potrebbero essere utili per un’organizzazione non profit, quindi è importante che facciate voi il primo passo. 
  2. Investite su di loro: donate loro tempo ed energie. Le persone si donano per moltissimi motivi diversi, tuttavia queste motivazioni possono essere raggruppate in un’unica che è: stare bene, stare meglio. Donare fa stare bene, quindi investire tempo ed energie e investire con formazione sui donatori, significa contribuire al loro benessere, che è la principale ragione per cui lo fanno.
  3. Dotatevi di un programma per attivarli e tenerli con voi nel tempo: come molte altre attività anche la ricerca e fidelizzazione dei volontari ha le proprie metodologie e tecniche. Se siete alle prime armi potete sempre chiedere l’aiuto di un consulente specializzato per questo. 
  4. Divertitevi e celebrate con loro i risultati raggiunti: donare, raggiungere obiettivi di senso, sono azioni che possono essere fatte con gioia, che rendono felici chi riceve aiuto e chi lo fa. Inoltre un buon modo per restituire e mantenere attivi i volontari per la raccolta fondi nel tempo è festeggiare con loro i risultati raggiunti porta motivazione ed è sinonimo di trasparenza;
  5. Ringraziateli e fatelo in modo personalizzato: nelle motivazioni del dono di tempo ci sta proprio il sapere di essere stati utili e di aver fatto qualcosa che ha contribuito alla vita di qualcun altro. Il miglior modo per fare sapere questo ai vostri donatori è ringraziarli.

Potrebbe accadere che…

  • i volontari all’inizio facciano fatica a chiedere donazioni. Chiedere soldi non è un’attività che a tutti viene naturale. Questa situazione può essere prevenuta attraverso molta formazione, strumenti che siano efficaci, e soprattutto accompagnando i volontari in un percorso che spieghi loro il senso delle attività di raccolta fondi.
  • avete inserito un volontario in un’attività che non è particolarmente adatta alle sue attitudini e capacità. Se seguite un metodo di people raising che ricerca, seleziona e inserisce i volontari all’interno dell’ente, queste possibilità dovrebbero essere sempre più ridotte. Tuttavia può capitare ed è possibile intervenire proponendo un’attività alternativa o rimuovendo il volontario. 
  • avete investito tanto su una persona e dopo poco tempo se ne va. Innanzitutto  è bene definire quanto è “poco tempo” per voi. Inoltre se viene fatta un’opportuna campagna di ricerca volontari, e quindi le persone rispondono con consapevolezza ad un annuncio chiaro e diretto, dovrebbe essere improbabile che dopo pochissimo tempo se ne vadano.
  • quando iniziate attività di raccolta fondi i volontari intorno a voi abbiano slanci di entusiasmo duranti i quali saranno prodighi di suggerimenti e proporranno moltissime attività ed iniziative. Fate sapere e spiegate che c’è un programma di  raccolta fondi da rispettare, accogliete le idee più facilmente realizzabili ed efficaci mentre cercate di spiegare e declinare le proposte non realizzabili o che vi distanziano troppo dal piano della raccolta fondi.
NEWSLETTER
Iscriviti per non perdere le ultime novità sull'argomento
Inserisci un indirizzo email valido

NOTE

[1] L. Lugli “Nuove frontiere del volontariato: cercare, trovare e fidelizzare i donatori di tempo” 2016 Libreriauniversitaria

TUTTI I DIRITTI RISERVATI. È vietato qualsiasi utilizzo, totale o parziale, del presente documento per scopi commerciali, senza previa autorizzazione scritta di Italia non profit.

Italianonprofit
Accedi ai contenuti esclusivi dedicati agli utenti iscritti a Italia non profit, è gratis.